SOSTENERE L’OCCUPAZIONE:
LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Le politiche attive del lavoro sono misure volte a ridurre il tasso di disoccupazione e favorire l’occupazione delle Persone che sono senza lavoro ovvero disoccupati ai sensi del D.lgs 150/2015, percettori e non dell’indennità di disoccupazione Naspi, percettori di Reddito di Cittadinanza, Lavoratori CIGS.

I SERVIZI DI POLITICA ATTIVA

PROGRAMMA GOL

Il Programma GOL (Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori) ridisegna i servizi per l’inserimento e il reinserimento lavorativo e la qualificazione e riqualificazione professionale di lavoratori e lavoratrici, con l’obiettivo di migliorare le opportunità di ricerca e favorire l’accompagnamento al lavoro.

DIRITTO MIRATO

Il Diritto Mirato è una misura di politica attiva prevista dal CCNL della somministrazione e finanziata da Forma.Temp. Un percorso di formazione finalizzato ad accrescere e migliorare le capacità e le conoscenze dei lavoratori somministrati per favorire la spendibilità e agevolare il reinserimento nel mondo del lavoro.

PROGRAMMA GOL

Quali sono i percorsi?

Il programma Gol offre percorsi diversi in base al profilo e alle competenze di chi decide di usufruirne:

Percorso 1 → Reinserimento lavorativo
Percorso 2 → Aggiornamento (upskilling)
Percorso 3 → Riqualificazione (reskilling)

Chi sono i beneficiari?
  • Beneficiari di ammortizzatori sociali in assenza di rapporto di lavoro: disoccupati percettori di NASPI o DIS-COLL
  • Percettori del Reddito di cittadinanza
  • Beneficiari di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro: le specifiche categorie di lavoratori sono individuate dalla Legge di Bilancio 2022 (legge n. 234/2021, art. 1, comma 200)
  • Lavoratori fragili o vulnerabili: giovani NEET (meno di 30 anni), donne in condizioni di svantaggio, persone con disabilità, lavoratori maturi (55 anni e oltre)
  • Disoccupati senza sostegno al reddito: disoccupati da almeno sei mesi, altri lavoratori con minori opportunità occupazionali (giovani e donne, anche non in condizioni di fragilità), lavoratori autonomi che cessano l’attività o con redditi molto bassi
  • Lavoratori con redditi molto bassi (working poor): il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo sia inferiore alla soglia dell’incapienza secondo la disciplina fiscale
  • Persone iscritte allo stato di disoccupazione ai sensi del D.Lgs. 150/2015 non rientranti nei precedenti
Quali sono le modalità per accedere?

Per accedere al programma GOL bisogna rivolgersi ai Centri per l’Impiego. Una volta che il beneficiario avrà sostenuto il colloquio per la profilazione presso il Centro per l’Impiego, potrà  scegliere l’operatore accreditato che si occuperà della presa in carico e  dell’erogazione delle misure. 

Al momento, la nostra Agenzia per il lavoro – in qualità di soggetto accreditato dalla Regione Toscana – è autorizzata ad erogare i servizi di orientamento al lavoro  previsti dal programma GOL nelle filiali di Firenze e Siena. Prossimamente saremo accreditati anche nelle regioni Lombardia e Piemonte.

DIRITTO MIRATO

Quali sono i percorsi?

Gli interventi finanziati sono legati alle singole figure professionali da formare e prevedono attività di orientamento, bilancio di competenza, individuazione di un percorso formativo, supporto alla ricerca attiva del lavoro e ricollocazione lavorativa.

Chi sono i beneficiari?
  • Ex lavoratori in somministrazione con 45 giorni di disoccupazione ed almeno 110 giornate di lavoro negli ultimi 12 mesi
  • Ex lavoratori in somministrazione al termine della procedura in Mancanza di Occasioni di Lavoro
Quali sono le modalità per accedere?

I beneficiari in possesso dei requisiti possono rivolgersi a noi per usufruire – entro 68 giorni dalla maturazione del requisito e solo una volta in un anno solare – delle attività previste dal programma.
Per conoscere il catalogo dei corsi e avere maggiori informazioni su durata, modalità di erogazione, luogo e periodo di erogazione → scrivi a formazione@cbslavoro.it